giovedì 9 giugno 2016

Vaccino italiano migliora effetto farmaci anti-Hiv

Il vaccino "italiano" Tat sviluppato nei laboratori dell'Istituto Superiore di Sanita' dal Centro Nazionale AIDS (CNAIDS), diretto da Barbara Ensoli, migliora l'effetto dei farmaci contro l'Hiv. Lo ha stabilito uno studio clinico di fase II condotto in Sudafrica, i cui risultati vengono pubblicati oggi sulla rivista peer-review open access Retrovirology, uno dei giornali piu' autorevoli nel campo dell'HIV/AIDS. 

"Con la somministrazione di una piccolissima quantita' della proteina Tat - ha spiegato Barbara Ensoli - siamo stati in grado di indurre una risposta immunitaria capace di migliorare l'efficacia dei farmaci anti-HIV, evidenziata da un aumento significativo di cellule T CD4. Un risultato che conferma quanto gia' visto in un precedente trial condotto in Italia". La ricerca ha coinvolto 200 pazienti in terapia con farmaci anti-HIV, che agiscono bloccando la replicazione del virus.

I partecipanti allo studio sono stati "randomizzati" (ovvero distribuiti in modo casuale) in due gruppi, che hanno ricevuto tre iniezioni per via intradermica di 30 microgrammi di vaccino o di placebo, a distanza di un mese l'una dall'altra. Lo studio e' stato condotto in "doppio cieco", ovvero senza che ne' i volontari ne' gli sperimentatori conoscessero chi riceveva il vaccino o il placebo. 

L'apertura dei codici, avvenuta a conclusione dello studio (48 settimane dalla prima vaccinazione), ha evidenziato un aumento significativo di cellule T CD4 nel gruppo dei vaccinati rispetto al placebo. L'aumento era particolarmente evidente per i pazienti con i piu' bassi livelli di cellule T CD4 al momento della vaccinazione.
.

Nessun commento :

Posta un commento