sabato 10 giugno 2017

Apres la Classe, un ritorno alle origini

I venti anni di carriera li hanno festeggiati lo scorso anno, ma il disco che fotografa gli Apres la Classe arriva ora. Circo Manicomio, il nuovo disco di inediti (Godzillamarket/distr. A1 Entertainment) della band salentina, anticipato dal singolo El presidente.

"E' un ritorno alle origini, un modo per chiudere il cerchio di quello che abbiamo fatto finora e un momento di riflessione in una fase abbastanza triste e critica della nostra epoca. Non abbiamo perso la solarità che ci distingue, ma non perdiamo neppure l'attenzione verso i temi sociali. Cerchiamo di portare il sorriso, con la stessa energia e la stessa forza che ci contraddistingue sul palco, per divertire e divertirci", racconta Cesko, frontman degli Apres la Classe che rifiuta le facili etichette. 

"E' quello che chiamiamo il crocevia salentino, che abbraccia gli ascolti fatti con la volontà di pubblicare un album che ci rispecchiasse, ricco di contaminazioni e dal sapore internazionale". E con l'idea di lavorare come "ai vecchi tempi, in studio senza post-produzione e senza elettronica", che va tanto di moda oggi. "Ma noi la usavamo già 10 anni fa: non ho mai capito se siamo troppo avanti o troppo indietro", scherza Cesko. E non è un caso che Circo Manicomio ("un circo che siamo noi, ognuno con la sua aria strana. E poi fa il paio con Luna Park, uscito nel 2006") oltre all'italiano e al salentino, sia cantato anche in francese e, per la prima volta, in spagnolo. Sì, perché loro partendo da Aradeo, in provincia di Lecce, sono andati alla scoperta del mondo, con concerti in Europa e negli Stati Uniti.

Gli Apres la Classe sono in tour per presentare Circo Manicomio, le prossime date sono: 14 giugno Bergamo, 17 giugno Serramonacesca (Pe), 25 giugno Palo del Colle (Ba), 30 giugno Bologna, 1 luglio Sesto San Giovanni, 7 luglio Montecastrilli (Te), 12 luglio Moncalieri (To), 13 luglio Vicenza, 29 luglio San Barbato (Av), 4 agosto Roma.

.

Nessun commento :

Posta un commento