venerdì 26 maggio 2017

Orsetto Ector tossisce per difendere bimbi dal fumo passivo

Si chiama Ector ed è un orsetto speciale, perché protegge i bimbi dal fumo passivo. E' un peluche che tossisce ogni volta che qualcuno fuma vicino a lui: "così facendo scoraggia i fumatori, avverte i genitori ed educa i bambini a tenersi lontani dalle minacce del fumo". A lanciarlo è una collaborazione tra le aziende Roche e Trudi, con il patrocinio di Women against cancer in Europe (Walce).

In Italia, dicono gli esperti, il 52% dei bambini nel secondo anno di vita è esposto abitualmente al fumo passivo, il 49% dei neonati e dei bambini fino a 5 anni è figlio di almeno un genitore fumatore e il 12% ha entrambi i genitori fumatori, mentre circa un neonato su 5 ha una madre fumatrice. "Il fumo indiretto - puntualizza Giulia Pasello, dirigente medico all'Istituto Oncologico Veneto di Padova - è nocivo quanto quello diretto, ed è strettamente correlato allo sviluppo di tumori, malattie del sistema cardiocircolatorio e respiratorio, sia negli adulti che nei bambini. In più, ogni anno in Italia ci sono circa 150-300 mila bronchiti e polmoniti sotto i 18 mesi, patologie che si possono ricondurre anche all'esposizione cronica al fumo e causano circa 15 mila ospedalizzazioni nei reparti pediatrici".

Per ampliare la sensibilizzazione e stimolare sempre più la prevenzione, "porteremo Ector The Protector Bear nei corsi pre-parto di alcune città italiane a partire da questo autunno, perchè la vera prevenzione precoce inizia dentro le mura di casa, e i genitori non devono incarnare un modello negativo per i propri figli". E' attiva anche un'apposita campagna di informazione al sito www.ectortheprotector.com. 

.

Nessun commento :

Posta un commento