giovedì 30 marzo 2017

A Firenze parte il G7 della cultura

Firenze è pronta per accogliere il primo G7 cultura. Per due giorni (giovedì 30 e venerdì 31 marzo) i ministri dei beni culturali di sette nazioni rimarranno nel capoluogo fiorentino per stilare un documento comune sulla cultura come strumento di dialogo tra i popoli. l'Italia conferma in questo modo la volontà di esercitare il ruolo di leadership culturale. L'iniziativa rappresenta anche l'impegno della comunità internazionale di recuperare e preservare il patrimonio dell'umanità danneggiato dalle calamità naturali, colpito durante i conflitti e attaccato dal terrorismo e di contrastare il traffico illecito dei beni culturali. 

Anche se ufficialmente il G7 cultura inizia oggi 30 marzo, già da qualche giorno in piazza della Signoria, davanti Palazzo Vecchio, è stata esposta la copia dell'Arco di Palmira, distrutto dall'Isis nel 2015 in Siria. La struttura, già esposta a Londra e New York,  resterà a Firenze fino al 27 aprile e sitratta di una riproduzione perfetta dell'originale, realizzata grazie alle nuove tecnologie nell'ambito del progetto "the million image database" per la tutela e la salvaguardia del patrimonio culturale mondiale, promosso da The Institute for Digital Archaeology in collaborazione con Unesco, Universita' di Oxford, Museo del Futuro di Dubai e governo degli Emirati Arabi Uniti. 2

La copia dell'arco è stata realizzata da Torart, un'azienda di Carrara guidata da due giovani imprenditori, Giacomo Massari e Filippo Tincolini, e specializzata in scultura, arte contemporanea e design, nell'applicazione delle nuove tecnologie nella lavorazione del marmo, in pietre e materiali duri di diversa natura. 

.

Nessun commento :

Posta un commento