venerdì 17 febbraio 2017

Su Cerere ci sono i 'mattoni' della vita

Visti per la prima volta con certezza i 'mattoni' della vita fuori dal nostro pianeta, si trovano sul pianeta nano Cerere. La scoperta, pubblicata su Nature sotto la guida di Maria Cristina De Sanctis, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), e fatta grazie a uno strumento italiano a bordo della sonda Dawn, indica che queste molecole fondamentali per la vita si sarebbero formate in modo spontaneo sulla superficie del pianeta nano. Il dato suggerisce che la formazione spontanea di questi 'ingredienti' possa essere avvenuta anche su molti altri corpi celesti e che i semi della vita possano essere 'nati' o trasportati praticamente ovunque nel Sistema Solare.

I dati indicano la presenza diffusa di molecole organiche 'alifatiche', ossia i mattoncini che compongono le pareti esterne delle cellule, che secondo i ricercatori si sarebbero formate direttamente sulla superficie del pianeta nano, ricca anche di acqua ghiacciata. A vedere la presenza di queste molecole organiche è stato Vir, lo spettrometro fornito dall'Agenzia Spaziale Italiana con la guida dell'Inaf, e installato a bordo della sonda Nasa che dal 2015 orbita attorno a Cerere. 

"L'Italia ha un'esperienza più che ventennale su questo tipo di strumentazione scientifica largamente usato per le missioni di esplorazione del sistema solare". Ha detto Barbara Negri, responsabile Asi dell'Esplorazione e Osservazione dell'Universo. "La scoperta della presenza di molecole organiche sulla superficie di Cerere - ha aggiunto - rappresenta un'ulteriore conferma della leadership italiana in questo campo".

.

Nessun commento :

Posta un commento