venerdì 20 gennaio 2017

È morta la cantante della lambada, tormentone del 1989


«Chorando se foi», se ne andò piangendo: era questo il titolo originale della canzone, che tutti però chiamavano «La lambada». Era l’estate del 1989 e tutti scoprirono il ballo di coppia con i bacini il più possibile attaccati, ondeggiando al ritmo della voce di Loalwa Braz Vieira, la voce dei Kaoma. Che è stata trovata morta carbonizzata nella sua auto a Saquarema, sul litorale a nord di Rio de Janeiro. Aveva 63 anni. 

La polizia brasiliana ha arrestato nelle ultime ore tre sospettati per l’omicidio della cantante. I presunti assassini hanno spiegato le forze dell’ordine di Rio de Janeiro, sono un 23enne, un 21enne e un 18enne. I tre sono entrati nella «pousada» di proprietà di Loalwa Braz Vieira mercoledì notte forzando la porta d’ingresso e immobilizzando la proprietaria di casa. I rilievi della scientifica hanno evidenziato che la donna ha combattuto a lungo con i rapinatori fino a svenire per i colpi e le ferite riportate nella colluttazione. 

Il suo corpo è stato poi trasportato nella sua auto, in una strada laterale, e il mezzo è stato dato alle fiamme. Il primo rapinatore era stato interrogato inizialmente come testimone ma le contraddizioni del suo racconto hanno insospettito la polizia e alla fine l’uomo ha confessato. Un secondo rapinatore è stato arrestato nella stesso quartiere: con sé aveva ancora il cellulare e la carta di credito della cantante. Il terzo presunto assalitore è stato bloccato in un’altra zona della città.

.

Nessun commento :

Posta un commento