mercoledì 21 dicembre 2016

Mark Zuckerberg svela 'assistente' Jarvis

Dopo un lavoro durato un anno Mark Zuckerberg svela alcuni dettagli di Jarvis, l'assistente personale per la casa basato su intelligenza artificiale che il fondatore di Facebook aveva annunciato di voler sviluppare come "sfida personale" per il 2016. Il sistema, cui Zuckerberg ha dato il nome del maggiordomo di Iron Man, è stato integrato nell'impianto domotico della sua casa, consentendogli di gestire luci, temperatura, elettrodomestici, la musica sia da pc sia da dispositivi mobili e tanto altro. Jarvis, spiega Zuckerberg in un post, può essere comandato anche tramite Messenger oltre che con comandi vocali.

A distinguere Jarvis dai sistemi sviluppati da Google, Amazon e Apple è la capacità di interagire con l'utente utilizzando il linguaggio naturale e di apprendere dalle sue abitudini per offrire quanto desiderato.

Si tratta di "un sistema semplice di intelligenza artificiale", scrive Zuckerberg, che "impara i miei gusti e le mie abitudini, che può imparare nuove parole e nuovi concetti, e che può anche intrattenere Max", sua figlia. Tra le varie tecnologie, Jarvis utilizza "l'elaborazione del linguaggio naturale e il riconoscimento vocale e dei volti". "Per alcuni versi", afferma Zuckerberg, "questa sfida è stata più semplice di quanto mi aspettassi", ma "un aspetto è stato più complicato del previsto: connettere e comunicare con tutti i differenti sistemi della mia casa. Prima di costruire un'intelligenza artificiale ho dovuto scrivere del codice per connettere tra loro questi sistemi, basati su diversi linguaggi e protocolli".

Zuckerberg ne cita alcuni: "Creston per luci, termostato e porte, Sonos per la musica di Spotify, tv Samsung, babymonitor Nest per Max e poi i sistemi di Facebook per lavorare".

.

Nessun commento :

Posta un commento