giovedì 29 dicembre 2016

Gli Usa sono i primi fornitori al mondo di armi.

Al primo posto nella classifica di fornitori mondiali di armi. Gli Stati Uniti nel 2015 ne hanno vendute per 40 miliardi di dollari, confermandosi leader delle vendite nel mondo. Al secondo posto si piazza la Francia, con 15 miliardi di dollari. I dati sono quelli dello studio “Conventional Arms Transfers to Developing Nations, 2008-2015”, condotto per il Congresso americano e pubblicato dal New York Times.

L’Italia dove si posiziona? Al sesto posto con 1 miliardo di dollari guadagnati dalla vendita di armi a livello globale. Dopo Stati Uniti e Francia, al terzo posto si trova la Russia con 11 miliardi di dollari, al quarto la Cina con 6 miliardi e prima dell’Italia, al quinto, troviamo la Svezia con 1 miliardo e mezzo di vendite, sempre espresse in dollari. Al settimo posto c’è un altro Paese europeo, la Germania, con 900 milioni di dollari, seguita dalla Turchia con 800 milioni e dal Regno Unito con 700 milioni di dollari. Chiude la top10 Israele, sempre con 700 milioni di dollari, staccata di molto, a quota 300 milioni, in undicesima posizione finisce la Corea del Sud.

Secondo il rapporto sono state vendute complessivamente armi per 80 miliardi di dollari, in calo rispetto agli 89 miliardi di dollari del 2015. Le armi si vendono maggiormente nei Paesi avanzati che restano anche nel 2015 i maggiori acquirenti con acquisti per 65 miliardi. Il calo delle vendite globali è legato all’economia debole, si legge nel rapporto. “Problemi di bilancio hanno spinto molti Paesi a posticipare o limitare gli acquisti. Alcuni Paesi hanno scelto di non acquistare nuove armi e di ammodernare i loro sistemi esistenti”.


.

Nessun commento :

Posta un commento