venerdì 18 novembre 2016

Referendum, ultimo sondaggio: No in vantaggio.

Il fronte del No è in vantaggio, ma a decidere le sorti del referendum costituzionale del 4 dicembre saranno gli indecisi. Nell’ultima fotografia scattata dall’Istituto Demopolis per la trasmissione 'Otto e mezzo' prima del black out elettorale l’opinione pubblica resta divisa, ma un quarto degli italiani deve ancora decidere.

“Due incognite pesano sulla sfida referendaria: 7 milioni di elettori sono ancora incerti sulla scelta di voto; oltre 5 milioni affermano di non aver ancora deciso se recarsi o meno alle urne. Determinante – spiega il direttore dell’Istituto Demopolis Pietro Vento – sarà la motivazione dei cittadini a recarsi alle urne: una variabile in grado di modificare di diversi punti percentuali, a favore dell’uno o dell’altro fronte, il risultato elettorale del 4 dicembre”. 

Se il Referendum si tenesse oggi, con più di 4 italiani su 10 orientati verso l’astensione, il 36% opterebbe per il Sì, il 39% sceglierebbe il No: determinante risulterà il 25% di elettori che si dichiarano ancora indecisi a poco più di 2 settimane dall’apertura delle urne. 

Ripercentualizzando i dati in proiezione elettorale, in assenza di quanti non hanno ancora deciso, il 48% confermerebbe la Riforma Costituzionale, il 52% la boccerebbe. La forbice stimata da Demopolis oscilla tra il 45 ed il 51% per il Sì, e tra il 49% ed il 55% per il No. Con un quarto di elettori ancora incerti, nelle ultime due settimane di campagna elettorale resta possibile un recupero del Sì, ma anche un ulteriore incremento del No che potrebbe sfiorare i dieci punti di vantaggio. 
.

Nessun commento :

Posta un commento