venerdì 25 novembre 2016

Fondatore birra Corona lascia 169 milioni al suo paesino

Tutti gli 80 residenti della cittadina spagnola di Cerezales del Condado sono diventati milionari. Questa fortuna non la devono a una vincita alla lotteria ma alla generosità del concittadino Antonino Fernandez, il papà della celebre birra Corona che, alla sua morte, ha deciso di lasciare 169 milioni di eredità agli abitanti del paesino in cui è nato e cresciuto.

Fernandez è stato l'undicesimo di tredici figli e ha sempre vissuto in povertà. All'età di 14 anni ha dovuto abbandonare la scuola perché i genitori non potevano permettersi di pagare le tasse e dopo la guerra civile spagnola si è trasferito nella città di Leon, in Castiglia, dove ha sposato Cinia González Díez.

Nel 1949, lo zio di sua moglie, che possedeva il Grupo Modelo, ha invitato la coppia a trasferirsi in Messico, dove Fernandez ha iniziato a lavorare per la fabbrica di birra come un impiegato di magazzino. Tanti anni di gavetta e poi, nel 1971, il salto di qualità: nominato amministratore della società, ha contribuito a rendere la Corona non solo la birra più popolare del Messico, ma anche un marchio esportato in tutto il mondo.

Quest'uomo ha accumulato una fortuna ma non ha mai dimenticato le sue origini: nel testamento ha espressamente scritto che, alla sua morte, i suoi svariati milioni sarebbero dovuti andare agli abitanti del piccolo villaggio che gli ha dato i natali, per il solo fatto di essere suoi concittadini.

E così è stato. Fernandez è morto lo scorso agosto e ha lasciato agli 80 residenti del suo villaggio un tesoro di 169 milioni, praticamente 2,11 milioni ciascuno. Un regalo inaspettato, una sorta di ringraziamento a Cerezales del Condado che adesso può vivere dell'eredità del suo generoso benefattore, che peraltro ha sempre finanziato le attività rurali della zona. Doveroso il ringraziamento con tanto di cin cin a questa "persona speciale": "Un ultimo brindis con Corona por Antonio Fernández, gran empresario y mejor persona. Gracias por tanto".
.

Nessun commento :

Posta un commento