lunedì 10 ottobre 2016

Samsung: stop produzione Galaxy Note 7 dopo casi combustione

Samsung Electronics ha sospeso la produzione del Galaxy Note 7, secondo l'agenzia sudcoreana Yonhap, dopo il disastroso lancio del nuovo "phablet" (metà smartphone e metà tablet), di cui alcuni esemplari sono esplosi. Lo riporta l'agenzia Yonhap, citando in forma anonima uno dei fornitori del gruppo sudcoreano.

I richiami del Note 7, che hanno causato a Samsung la peggior crisi degli ultimi anni, non si sono arrestati dopo la prima ondata di malfunzionamenti, dato che il rischio combustione si è ripresentato dopo la sostituzione dei prodotti valutati come difettosi.

Anche sul nuovo Note 7, presentato al posto di quello vecchio, ci sono stati problemi. Su tutti, l'episodio che la scorsa settimana ha visto negli Usa l'evacuazione di un aereo della Southwest Airlines quando uno smartphone sostituito ha cominciato a emettere fumo.

Il gigante sudcoreano, primo fabbricante al mondo di smartphone, non ha voluto commentare la notizia. Un responsabile di produzione della Samsung, non identificato, ha detto che la decisione di sospendere temporaneamente la produzione è stata presa in accordo con le autorità sudcoreane, americane e cinese per la protezione dei consumatori.

Già poche settimane dopo il lancio del Galaxy Note 7, ad inizio settembre, Samsung era stata costretta a richiamare 2,5 milioni apparecchi nel mondo per il rischio di esplosione della batteria. Ma anche alcuni apparecchi con le batterie sostitutive avrebbero avuto problemi analoghi.
.

Nessun commento :

Posta un commento