martedì 25 ottobre 2016

FCA chiude il terzo trimestre a livelli record

Fiat Chrysler Automobiles chiude il terzo trimestre con con un EBIT adjusted in progresso del 29% a 1,5 miliardi di euro, un utile netto adjusted di 740 milioni di euro più che triplicato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L'utile netto pari a 606 milioni di euro, in aumento di 1 miliardo di euro rispetto al terzo trimestre 2015. I ricavi netti si attestano a 26,8 miliardi di euro sono in linea con il terzo trimestre 2015. 

L'indebitamento netto industriale in aumento di 1 miliardo di euro rispetto a giugno 2016 e dovuto "principalmente alla normale stagionalità del capitale circolante". Cresce del 12,5% la quota di mercato negli Stati Uniti e al 6,1% in Europa. Confermata la leadership di mercato in Brasile con una quota del 18,6%. Nei primi nove mesi il risultato netto è stato di 1,405 miliardi, in netto miglioramento rispetto alla perdita di 103 milioni nello stesso periodo del 2015. Nello stesso periodo i ricavi netti crescono a 81,2 mld dai 81,18 mld dello stesso periodo del 2015. Fiat-Chrysler rivede al rialzo i target per il 2016 dopo "la forte performance operativa dei primi nove mesi". 

L'utile netto adjusted sarà di oltre 2,3 miliardi, in miglioramento rispetto agli oltre 2 miliardi indicati in precedenza. L'Ebit adjusted supererà i 5,8 miliardi meglio della  stima precedente di oltre 5,5 miliardi. Confermati i ricavi netti a oltre 112 miliardi e l'indebitamento netto industriale inferiore a 5 miliardi.
.

Nessun commento :

Posta un commento