venerdì 30 settembre 2016

Addio agli smartphone Blackberry

Qualche fan inossidabile (tra cui probabilmente Barack Obama) sarà molto dispiaciuto, ma bisogna dire che la maggior parte degli utenti di telefonia mobile non saranno in lutto alla notizia che, dopo 14 anni di attività, BlackBerry ha annunciato che smetterà di produrre smartphone.

L'azienda aveva fatto la sua fortuna nei primi anni Duemila con un occhio rivolto ai professionisti, che in un’epoca pre-iPhone potevano contare sul marchio canadese per inviare email, organizzare la propria agenda e navigare su Internet più o meno agevolmente. Il tutto con la tipica tastiera, all’epoca diversa da quelle di tutti gli altri cellulari (che utilizzavano la tastiera numerica per scrivere messaggi), che riprendeva lo stile "qwerty" usato dai computer, poi adottato col tempo anche dai marchi concorrenti una volta diffusosi il touchscreen.

Ora John Chen, amministratore delegato e presidente esecutivo di Blackberry, ha dichiarato: "La società prevede di terminare del tutto lo sviluppo di hardware e darà in outsourcing ai nostri partner questo compito. Ci stiamo concentrando sullo sviluppo del software, comprese la sicurezza e le applicazioni". L’azienda non versa in buone condizioni, dopo che colossi come Apple e Samsung hanno sbaragliato il mercato degli smartphone, e ha infatti registrato perdite per 372 milioni di dollari nel corso dell'ultimo trimestre, a fronte di un utile di 51 milioni nello stesso periodo dello scorso anno.

Già dal 2010, in ogni caso, l’azienda canadese vedeva un calo delle vendite dopo aver toccato il vertice quando ancora aveva pochi rivali nel campo dei servizi rivolti ai professionisti, tanto da essere nota pubblicamente per il fatto che i suoi prodotti erano utilizzati e molto apprezzati dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Qui sotto, due grafici del Telegraph che mettono a confronto la quota dei sistemi operativi utilizzati dagli smartphone venduti nel 2010 e nel 2016, in cui si evidenzia la scomparsa di molte aziende a favore di una "cannibalizzazione" del mercato da parte di Android:


.

Nessun commento :

Posta un commento