sabato 23 luglio 2016

Strage in centro commerciale a Monaco

Terrore in Germania. Dieci morti, di cui uno è l'attentatore, e 16 feriti nella strage perpetrata nel pomeriggio a Monaco di Baviera in un ristorante McDonald's e poi in un affollato centro commerciale della periferia nord della città. A sparare, come annunciato in nottata dalla polizia, è stato un tedesco-iraniano di 18 anni per motivi che dovranno essere chiariti: terrorismo o follia le due ipotesi. 

Il killer, con doppia cittadinanza tedesca e iraniana e da diversi anni residente a Monaco, che ha iniziato a sparare con una pistola poco prima delle 18 davanti al fast food. E' stato inseguito da agenti in borghese e poi, come confermato dal capo della polizia di Monaco, Hubertus Andrae, si è suicidato a circa un chilometro dal centro commerciale "Olympia" dove a completato la strage. 

Nonostante prime informazioni generate da un'auto partita a forte velocità con tre persone a bordo estranee alla strage, viene escluso che il giovane tedesco-iraniano avesse complici o ci fossero altri due attentatori. Le immagini della capitale bavarese trasmesse dalle tv all news mostrano una città bloccata e nel panico. Lunghissime le code in entrata in città.

In un comunicato ufficiale la polizia di Monaco ha dichiarato una "grave situazione terroristica".

Una testimone oculare sentita dalla Cnn ha raccontato di aver sentito il killer del McDonald's urlare 'Allah Akbar', Allah e' grande, prima di aprire il fuoco sui bambini seduti. "Non sono potuti fuggire", afferma la donna piangendo e spiegando di non avere dubbi sulle urla dello sparatore perche' musulmana.
.

Nessun commento :

Posta un commento