domenica 22 ottobre 2017

Abusava della figlia di 8 anni, a disposizione anche degli amici.

Un reato orribile che meriterebbe una pena esemplare. Ma la storia del padre che per anni ha abusato sessualmente della figlia, ha dell’incredibile. L’uomo, che non solo violava il corpo della bambina ma addirittura lo metteva a disposizione degli amici del bar, non farà nemmeno un giorno di carcere. 

Resta libero di incrociare lo sguardo di sua figlia, infliggendole ulteriori sofferenze, perché il reato è andato in prescrizione. La legge, che fa gridare allo scandalo, ha salvato l’orco che anziché proteggere la figlia ne ha segnato indelebilmente la vita. 

Eppure in primo grado dai giudici del tribunale di Treviso l’uomo era stato condannato a 10 anni di carcere per violenza sessuale sulla piccola di 8 anni. Colpevolezza riconosciuta anche dalla Corte d’Appello di Venezia che però qualche giorno fa ha dovuto decretare il non luogo a procedere per intervenuta prescrizione. Così – scrive il Corriere della Sera - l’orco, difeso dall’avvocato Francesco Longo non farà un solo giorno di prigione, grazie a una sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione che ha reso meno pesante una delle aggravanti. Questo ha ridotto i tempi di prescrizione, salvandolo dal carcere. 

Il padre viene descritto come una persona che beveva e cattiva. Un eufemismo per uno che mette la figlia a disposizione degli amici al bar quasi si trattasse di un trofeo. Lasciava che la toccassero e che si spingessero oltre. Dopo la condanna sembrava che l’incubo fosse finito ma poi la beffa vergognosa  della giustizia italiana. L’orco non farà nemmeno un giorno di carcere nonostante il reato ignobile.


.

sabato 21 ottobre 2017

"L'inchino" dell'Air Berlin, visto dai passeggeri a bordo

video


Prima di atterrare, l’Airbus A330 proveniente da Miami con 223 passeggeri ha sorvolato per 8 minuti (e a bassa quota) uno dei terminal e la pista e poi ha virato non lontano dalla torre di controllo. Uno dei passeggeri ha girato un video dall’interno dell’aereo. 

All’inizio si vede la partenza da Miami e verso la fine del filmato il velivolo che giunge a poco più di 5 metri da terra. Il comandante riattacca e, mantendendo abbassato il carrello, vira maestosamente a sinistra aggirando il blocco degli edifici dello scalo. La compagnia tedesca Air Berlin è fallita e cesserà tutte le operazioni entro il prossimo 28 ottobre. Il pilota autore della manovra è stato sospeso.

.

Gessica sfregiata con l'acido: 10 anni a Tavares, l'ex fidanzato

Il gup, Fiorella Casadei, nel condannare a 10 anni Tavares per lo sfregio con l'acido a Notaro, ha riconosciuto le aggravanti della premeditazione, futili motivi e crudeltà. Ha inoltre condannato il capoverdiano ad un risarcimento di 230.000 euro per Gessica. Il giudice ha ammesso come parte civile con una provvisionale di 1.000 euro l'associazione Butterfly, che si batte contro la violenza e contro lo stalking, e l'Ausl Romagna, mentre ha escluso dalle parti civili Comune di Rimini e Regione Emilia-Romagna. Le motivazioni della sentenza saranno depositate in cancelleria tra 90 giorni. Infine il giudice Casadei ha stabilito, al termine della pena, l'espulsione dall'Italia per Eddy Tavares.

"Me lo aspettavo, non sono rimasta stupita. Ma non conta quanti anni, ormai mi ha rovinata e su questo non c'è niente da aggiungere",  ha detto a Pomeriggio Cinque Gessica Notaro, commentando la condanna del suo ex fidanzato a dieci anni di reclusione. In tribunale, spiega, "l'ho guardato, lui mi ha guardata più volte. Nonostante il male che mi ha fatto, è una persona di cui sono stata molto innamorata, alla quale ho voluto tantissimo bene, e non riesco ad odiarlo, ma non lo perdono, non lo posso perdonare. Quello che rimane è solo indifferenza".

.

Afghanistan, attentato Isis in moschea e razzi talebani a Kabul

L'Isis ha rivendicato l'attacco di ieri alla moschea sciita dell'Imam Zaman a Kabul in cui sono morte una quarantina di persone e altre decine sono rimaste ferite. Lo riferisce il quotidiano britannico Independent, citando un comunicato dello Stato Islamico. L'attentato - si afferma nel comunicato - era diretto contro i "politeisti", un termine con cui il gruppo fondamentalista definisce spregiativamente i musulmani sciiti. Poco dopo l'attacco a Kabul, un'altra esplosione ad una moschea sunnita della provincia di Ghor ha ucciso un'altra trentina di persone.

Alcune ore dopo, all'alba, i talebani afghani hanno sparato tre razzi che si sono schiantati nella 'zona verde' al centro di Kabul. Secondo i primi rilievi i razzi hanno colpito le aree di Wazir Akbar Khan e Shash Darak. Uno di essi ha centrato un muro esterno dell'ambasciata dell'Arabia Saudita, mentre un altro è caduto non lontano dal quartier generale della Nato. L'operazione è stata rivendicata dai talebani che hanno parlato di "molte vittime" in un attacco per cui tuttavia non esiste un bilancio ufficiale.

.

Salute, bimbi “meno intelligenti” se vanno al nido

Mamma e papà devono lavorare, c’è da trovare una soluzione per il figlio di pochi mesi: meglio affidarlo alle cure dei nonni o di una babysitter, o degli stessi genitori riducendo magari l’orario lavorativo, oppure iscriverlo all’asilo nido? Dipende dal contesto familiare di partenza: il nido è infatti un’opportunità per i bimbi che provengono da contesti socio-economici svantaggiati, ma un “rischio” per i figli di famiglie abbienti, come dimostra uno studio discusso in occasione del IV Forum della Società Italiana Medici Pediatri (SIMPe) e dell’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidòss), in corso a Bologna. 

L’indagine mostra infatti che nei piccoli accuditi informalmente da un adulto il quoziente intellettivo misurato alcuni anni dopo, fra gli 8 e i 13 anni, è di 5 punti più elevato rispetto a quello dei coetanei che hanno frequentato il nido; diminuisce però in compenso il rischio di ritrovarsi con qualche chilo di troppo durante la preadolescenza. Lo studio, condotto da Margherita Fort, Andrea Ichino e Giulio Zanella del dipartimento di Scienze Economiche dell’università di Bologna, ha coinvolto circa 500 famiglie che fra il 2001 e il 2005 avevano fatto richiesta di iscrivere il proprio figlio a uno degli asili nido pubblici del Comune di Bologna. 

Le differenze statisticamente significative sono due: i piccoli che avevano frequentato il nido fra zero e due anni avevano un minor rischio di obesità, ma anche un QI di 5 punti inferiore a chi era stato accudito da un adulto, che fosse un nonno o una babysitter o gli stessi genitori. Un calo non preoccupante, visto che i piccoli bolognesi sono risultati molto intelligenti: il QI medio è risultato pari a 116, contro un valore di 100 della media nazionale, per cui anche i “meno intelligenti” erano comunque bimbi assai brillanti.

.

A Fabrizio Miccoli 3 anni e 6 mesi per “estorsione aggravata”

L’ex capitano del Palermo, Fabrizio Miccoli, è stato condannato a 3 anni e 6 mesi con rito abbreviato per “estorsione aggravata dal metodo mafioso”. Il gup Walter Turturici dopo otto ore di camera di consiglio ha emesso la sentenza abbassando leggermente la richiesta della procura, rappresentata in aula dal sostituto procuratore Francesca Mazzocco, nella requisitoria di qualche mese fa, che era stata di 4 anni. 

Gli avvocati del capitano del Palermo, Giovanni Castronovo e Giampiero Orsini, avevano chiesto l’assoluzione. Secondo la procura di Palermo, Miccoli si rivolse a Cosa nostra per aiutare un suo amico a riscuotere un debito di circa 20 mila euro. Secondo l’accusa l’ex attaccante avrebbe messo in movimento il meccanismo di una richiesta estorsiva avanzata nei confronti dell’imprenditore Andrea Graffagnini. 

Miccoli avrebbe infatti sollecitato Mauro Lauricella, figlio del boss del quartiere Kalsa Antonino detto “Ù Scintilluni”, a utilizzare metodi spicci per chiedere la somma di denaro di cui un ex fisioterapista del Palermo, Giorgio Gasparini, avrebbe preteso essere creditore relativamente alla gestione della discoteca “Paparazzi” di Isola delle Femmine.

.